Venditore di castagne (Allegoria del Gusto)

Eberarhart Keilhau detto Monsu Bernardo
Appartenenza oggetto
Proprio
Categoria
Dipinto
Nazione, Regione, Provincia
Italia, Liguria, GE
Città
Genova
Luogo di conservazione
Galleria Nazionale della Liguria
Luogo di collocazione
Gallerie Nazionali di Palazzo Spinola
Collezione
GNL
Inventario
23/1963
Materia e tecnica
Olio su tela
Autore
Eberhart Keilhau detto Monsù Bernardo (Helsingor 1624 - Roma 1687)
Dimensioni
cm 100 x 135

Descrizione breve

Come nel caso del dipinto di Palazzo Spinola, l'artista danese, ma fiammingo d'adozione Monsù Bernardo dipingeva scene di vita quotidiana dei ceti meno abbienti per raffigurare in chiave allegorica temi come i cinque sensi, le età dell'uomo, le stagioni o i quattro elementi. 

Il vecchio che vende castagne ai due bambini bramosi a destra e l'anziana donna a sinistra che versa il vino alla fanciulla intenta a sbucciare, soddisfatta, i frutti appena acquistati costituiscono una rappresentazione del gusto.

Questo dipinto, dunque, doveva costituire con altri quattro una serie dedicata ai sensi, tema molto apprezzato nell'ambiente culturale romano della seconda metà del Seicento, come testimonia il successo di cui godette Monsù Bernardo grazie a questo genere di raffigurazioni, costruite con le pennellate pastose e gli impietosi contrasti chiaroscurali tipici dell'astista di origini danesi.

L'opera era conservata nei primi anni cinquanta del XX secolo presso l'antiquario genovese Marcello Tozzi, venne acquistata dallo Stato nel 1962 e riferita ad Antonio Amorosi (Comunanza, Ascoli Piceno 1660 - Roma 1738). Anni dopo fu finalmente inserita fra le opere del maestro e collocata attorno agli anni sessanta-settanta del XVII secolo.

Bibliografia

G. Zanelli, in Galleria Nazionale della Liguria, a cura di F. Simonetti, G. Zanelli, Genova 2002, pp. 70-71, cat. 22 con bibliografia precedente.